All rights reserved
logo
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Tra due mesi si inaugura Etnabook Festival Internazionale del libro di Catania

19/07/2019, 10:04

Tra-due-mesi-si-inaugura-Etnabook-Festival-Internazionale-del-libro-di-Catania

Curiosità e dubbio - L’angolo socio-psico-pedagogico di Giusi Lo Bianco

19/07/2019, 01:18

Curiosità-e-dubbio---L’angolo-socio-psico-pedagogico-di-Giusi-Lo-Bianco

È morto Luciano De Crescenzo, l’ingegnere che rese appetibile e per tutti la conoscenza della filosofia

18/07/2019, 16:30

È-morto-Luciano-De-Crescenzo,-l’ingegnere-che-rese-appetibile-e-per-tutti-la-conoscenza-della-filosofia

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

Il consigLIBRO 

Estate 2019 è di:


Gian Marco Griffi, Inciampi, 
Arkadia Editore.

26/07/2019, 01:25



Nuovi-mestieri-crescono---L’angolo-socio-psico-pedagogico-di-Giusi-Lo-Bianco


 



Nuovi mestieri crescono 

L’angolo socio-psico-pedagogico di Giusi Lo Bianco


Fino a qualche anno fa per noi insegnanti chiedere alle nostre alunne ai nostri alunni "che lavoro fanno i tuoi genitori" era un modo per entrare maggiormente in relazione con loro, comprendere le loro vite e provare ad immaginare i loro vissuti fuori dalle mura scolastiche al fine, sempre, di costituire insieme un patto educativo efficace.

Adesso, prima di porre una domanda del genere, ci si pensa un tantino...altrimenti si può rischiare di ferire la sensibilità degli allievi e di toccare tasti dolenti. Le risposte potrebbero essere: "papà e mamma non lavorano", "papà ha perso il lavoro la scorsa settimana", "a casa lavora solo la mamma e i soldi per tutti non bastano". Un abitacolo di paura e incertezza che talvolta può spingere a tacere per evitare guai.
Questo è il lato della medaglia più triste e oscuro, ma non è certamente l’unico punto di vista.

A volte, quando si ha il coraggio di porre la domanda perché magari con le proprie alunne e i propri alunni si è instaurato un rapporto di cotanta fiducia e un dialogo fluido e autentico, le risposte possono essere sorprendenti...
- La mamma prima faceva un lavoro normale, poi l’ha perso e adesso si è messa fare la wedding planner, organizza matrimoni.
- Papà prima lavorava come architetto, poi è stato licenziato e adesso fa il graphic recorder. Disegna, racconta e schematizza quello che viene detto ovunque. Nelle conferenze, durante le riunioni delle aziende e in occasioni di discorsi pubblici, si siede con un banchetto munito di fogli e matite e trasforma le parole in disegni. 
- La mamma prima lavorava come professoressa all’Università, ma non le hanno rinnovato il contratto. Le è sempre piaciuto disegnare e realizzare gioielli con le gemme. Ha creato un’azienda on line e vende le sue creazioni su internet in tutto il mondo.
- Papà è un appassionato di cucina e siccome ha perso il suo lavoro in fabbrica si è messo a cucinare per gli altri, sia a casa nostra sia a casa delle persone. 
Cucina per le feste di compleanno, i battesimi, le comunioni e le cresime e tutti dicono che è molto bravo...prepara anche le torte in pasta di zucchero. La mamma lo ammira molto, a lei invece cucinare non piace...è una bravissima web master e speriamo che almeno il suo lavoro duri.
Beati coloro che, in questo mondo incerto e precario, si inventano un mestiere a propria immagine e somiglianza.

Insomma che ci si specializzi nelle unghie dipinte, nel diventare "maestre" di trucco sul web, in massaggi neonatali o a interpretare i sogni, sempre di inventiva e intelligenza si parla.
Necessità fa virtù. Tutte testimonianze preziose di buona volontà, ottimismo, creatività e voglia di andare avanti sempre e comunque.
Ed è così che la domanda "che lavoro fanno i tuoi genitori" può aprire la porta verso un meraviglioso ignoto.


25/07/2019, 01:01



Marco-Mazzucchelli-e-Danilo-Oggionni----La-notte-delle-croci-e-delle-morti---L’Erudita
Marco-Mazzucchelli-e-Danilo-Oggionni----La-notte-delle-croci-e-delle-morti---L’Erudita


 



Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni   

La notte delle croci e delle morti - L’Erudita

Le recensioni in LIBRIrtà

A cura di Anna Cavestri

Già dal titolo si può capire il genere del libro, è un misto di horror e noir hard, una scrittura forte e anche violenta.  Dalle prime pagine è così che si presenta il libro. 

Due ragazzi in auto, sono diretti a un concerto metal, Luis al volante appare come un uomo disturbato, facile all’ira, dipendente da alcool e droga, l’altro appare tutto l’opposto tranquillo e pacato. Prima di arrivare alla meta Luis decide di fermarsi a comprare dell’erba a casa del Toro, personaggio misterioso e alquanto sospetto. 
In questa casa succederà di tutto, i due si trovano coinvolti in una festa, nella quale incontreranno personaggi strani e dire poco, in situazioni animalesche e deprevate.Piano piano gli autori costruiscono la vera natura di Brando (quello pacato e tranquillo) persona alquanto disturbata. 

Succederanno cose molto strane in questa festa, la storia è piena di colpi di scena che si incastrano e fanno emergere piano piano tutti i personaggi ben costruiti. 

 È un libro fino alla fine sconcertante, gira attorno ad un segreto che nasconde Brando.Per gli amanti del genere ce n’è abbastanza per lasciarsi coinvolgere col fiato sospeso fino all’ultima pagina.

Titolo: La notte delle croci e delle morti
Autori: Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni
Editore: L’Erudita
Pagg.: 185
Prezzo: € 20,00
Voto: 6
19/07/2019, 10:04



Tra-due-mesi-si-inaugura-Etnabook-Festival-Internazionale-del-libro-di-Catania


 



Tra due mesi si inaugura 

Etnabook Festival Internazionale del libro 

Catania


Le news

Dal 19 al 21 settembre, tour di incontri, musica e mostre nelle librerie e nei luoghi storici di Catania.

Redazione
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dall’ufficio stampa, curato da Sara Adorno, del primo festival internazionale della letteratura che si terrà a Catania.


L’antifascismo sarà la tematica di questa prima edizione di Etnabook, Festival Internazionale del libro e della cultura di Catania. Il filo conduttore che legherà la manifestazione sarà l’interesse nel voler approfondire l’antifascismo nella sua accezione contemporanea.


I tanti incontri con autori, editori, librai, studenti e appassionati saranno uno stimolo per dialogare, riflettere e anche divertirsi, ma soprattutto per impegnarsi tutti insieme per la tutela e la salvaguardia dei valori legati alla democrazia e alla libertà. Visitare Etnabook sarà come esplorare una mappa del tesoro, in cui ogni tappa sarà uno step che arricchirà il bagaglio culturale, incrementando il proprio pensiero critico.
Il presidente Cirino Cristaldi

A suggellare la prestigiosa iniziativa, la partnership con la CGIL Catania. Infatti, interverranno Giacomo Rota, segretario generale, e altri dirigenti a supporto della battaglia di recrudescenza xenofoba fascista e in difesa dei diritti di cittadinanza e di rispetto della dignità umana. Nella sede dello storico palazzo di via Crociferi, saranno allestiti incontri, mostre, dibattiti per ispirare, attraverso l’arte, la libertà di pensiero, alimentata ormai dalla paura di svelare la violenta ignoranza che si annida nei meandri più bui dell’animo umano.

I protagonisti che prenderanno parte della prima edizione di Etnabook saranno, tra gli altri: Emanuela Ersilia Abbadessa, Francesco Filippi, Laura Tangherlini, Giovanni Magrì, Fausto Pirrello. 

Nel palinsesto dell’evento letterario, inoltre, anche il laboratorio di scrittura creativa di due fra gli autori più promettenti del panorama editoriale: Antonio Ciravolo e Maristella Bonomo. Il laboratorio avrà una durata di sei ore e si articolerà in due moduli "Il tempo e il gesto creativo" e "Da un’immagine".

Etnabook è anche il concorso letterario "Cultura sotto il vulcano". A presiedere la giuria della sezione Poesia, personaggi del mondo dell’editoria e della cultura locale: Agnese Maugeri (giornalista), Dario Miele (autore e giornalista) e Marco Tomaselli (editore).

Il direttore artistico Cono Cinquemani

Mentre, per la giuria tecnica del concorso, ci saranno personalità come Sal Costa (autore e produttore di testi musicali), Nunzio Famoso (docente dell’Università degli Studi di Catania), Salvatore Massimo Fazio (scrittore, filosofo e psicopedagogista), Mariateresa Papale (giornalista), Milena Privitera (autrice e giornalista), Debora Scalzo (scrittrice e sceneggiatrice cinematografica) e Samantha Viva (autrice e giornalista).

A suggellare il tutto, anche un finestra riservata al mondo del cinema. Infatti, un concorso dedicato interamente ai Booktrailer accompagnerà la kermesse per i tre giorni attraverso il giudizio insindacabile della giuria e del pubblico.

La serata di premiazione di tutti i concorsi del Festival si svolgerà il 19 settembre nel suggestivo cortile della CGIL Catania e sarà presentata dall’imprevedibile duo Margherita Ingoglia e Simone Rausi.

La parola è l’arma più potente che abbiamo, usiamola bene.

Per le modalità di partecipazione, è possibile consultare i bandi al sito 



123105
Schermata2019-06-21alle16.23.04

Clicca qui per leggere l'intervista a

Gian Marco Griffi

Letto, riletto, recensito è media partner dellì Etna Book Festival

Schermata2019-05-07alle16.38.33

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

MercolediLeintervistecopia
lunedilevideorecensioni
SabatoGlievergreencopia
MartedievenerdiLenovita
GiovediLerecesnioniinLIBRIrtacopia
DomenicaIlconsigliodellasettimanacopia
sem
lorma
saggiatore
unnamed
LogoNN6
logoblackpngnewEDITORE2018
Create a website