All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

[01/07/2022 00:01] "Testimoni sepolti" di Michele Rondelli (Ianieri) è il ConsigLIBRO Luglio 2022 Admin [30/06/2022 00:01] La sottile ironia di Colomasi in un romanzo divertente e amaro al contempo Admin [29/06/2022 08:30] Dal 1° al 26 luglio a Letojanni, la II Edizione di Letture d'Estate organizzato dal Circolo Bianca Garufi Admin [25/06/2022 00:01] Dopo 22 anni dalla pubblicazione con Sellerio "La riva lontana" di Marinette Pendola viene riproposto da Arkadia Admin [23/06/2022 11:21] PREMIO BIELLA 2022 - PROCLAMAZIONE DEI FINALISTI DELLA XXI EDIZIONE e vincitore Premio della Giuria Admin [23/06/2022 00:01] Gianfranco Cefalì svela chi sono gli "Animali bianchi" di Cristina Caloni Admin

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

Il consigLIBRO 

Luglio 2022 è:

   

    Michele Rondelli  

Testimoni sepolti        

Ianieri

"Saravá" di Sal Costa (Morellini) è il ConsigLIBRO Aprile e Maggio 2022

05/04/2022 00:01

Admin

Recensioni, home,

"Saravá" di Sal Costa (Morellini) è il ConsigLIBRO Aprile e Maggio 2022

ConsigLibro Aprile e Maggio 2022 -Dall'extended book dell'autore

schermata-2022-04-05-alle-15.28.11.png

Sal Costa

 

Saravá

 

Morellini

 

ConsigLibro Aprile e Maggio 2022


Di Sal Costa dall' Extended book del sito di Morellini

 

Facce diverse spinte da un unico fluire. Il nonno, il padre, il figlio e nipote: acqua che scorre. Da quel torrente, con le mani a coppa, ci abbeverammo alla memoria fino a non saper più distinguere il falso dal vero. Però eravamo in tre, noi tre. L’acqua confonde tutto. Chi era chi?

Saravá è la storia di mio nonno, Carmelo Costa. Nel romanzo si chiama Carmelo Liquò perché mi faceva strano chiamarlo col mio stesso cognome. Io non l’ho mai conosciuto, quando nacqui lui era già morto, così tutto ciò che ho di lui è la memoria dei racconti di mio padre: suonava la tromba nella banda del paese, Regalbuto, e poi in teatro, durante gli intervalli delle rappresentazioni, faceva l’ebanista, sposò mia nonna che era poco più che una bambina, e amava ripetere: chi suona uno strumento ha le chiavi del paradiso.

9788862989121_0_536_0_75.jpeg

Mio padre tenne sul suo comodino per tutta la vita una vecchia foto di piccolo formato che ritraeva mio nonno con una gran massa di capelli pettinati con la riga di lato e due baffetti che smisero di andar di moda negli anni Trenta del Novecento. Forse per difendere l’immagine irreprensibile del genitore, o per pudore, per tanti anni non lasciò trapelare nient’altro su mio nonno. Quando mio padre si ammalò, io avevo quasi trent’anni. Un giorno lo misi in macchina e me lo portai in campagna. Sapevo che gli rimaneva poco da vivere e avevo bisogno di chiedergli cose intime che mi rivelassero non il padre, che conoscevo benissimo, ma l’uomo. Era una bella giornata di sole e lui fu contento d’aprirsi. Mi raccontò di amici, amori, passioni, la guerra, Parigi, l’università, l’incontro con mia madre. Poi passò alla sua famiglia d’origine, e lì dovetti un po’ faticare, mi feci incalzante con le domande. Seppi, a quasi trent’anni!, che mio nonno Carmelo era emigrato in Brasile insieme ai suoi fratelli agli albori del Novecento. Prima di partire si era sposato e aveva messo al mondo due figli, mio zio Tano (mai conosciuto, morto nel ’38) e la mia dolcissima zia Tuzza. Sua moglie era morta di tisi mentre lui era in Brasile, motivo che lo costrinse a tornare in Sicilia dopo dieci anni, per occuparsi dei suoi figli. Sposò in seconde nozze mia nonna quindicenne, fece con lei ancora quattro figli, il primo dei quali fu mio padre, e morì giovane, per appuntamento. Anche questa dovevo sentire!
“Come per appuntamento?”
Mi chiese una sigaretta. Ma sì, mi dissi, che differenza vuoi che faccia a questo punto, e mentre fumavamo mi raccontò la storia della morte di mio nonno per appuntamento.

A babbo morto, andai in Brasile. Volevo vedere i posti, respirare la stessa aria che aveva respirato mio nonno, pestare il terreno dove lui aveva poggiato i piedi, parlare con la gente, sentirne l’odore. Fui ingoiato, come lui cent’anni prima, dal Candomblé. Ed è strano perché non è roba da bianchi. Quando tornai in Sicilia, avevo già il romanzo che mi ronzava in testa. Per ricostruire la vita del paese d’origine, Regalbuto, mi feci aiutare dalle sorelle di mio padre, zia Tuzza, figlia di primo letto di mio nonno, e zia ‘Nzina, quella che sposò il figlio del maresciallo Fontana e rimase a vivere in paese. Il maestro Cozzi, i baroni Ingrassia, don Gaetano Oliva, il maresciallo Fontana, tutta gente vera. Condii il tutto coi miei ricordi da bambino, quando s’andava a Regalbuto per i Morti a portare un fiore sulla tomba di mio nonno Carmelo che lì riposa.

A voi che leggete, dico: la realtà, a volte, supera la finzione, ma la fantasia ci mette sempre del suo. In ogni ricordo. Di qualsiasi uomo. Che ne sia conscio o meno.


sal-costa-foto_f2460b79ae157007fec33fa855f1a215-300x291.jpeg

L'autore

Sal Costa è nato e vive a Catania. Narratore, drammaturgo e poeta, tra i suoi titoli si annoverano: Un du’e tre. La vera storia di Johnny il pompiere (1997), Visioni di Jack (1999), Bollito duro (2014), Il mercante di Dio (2018). Per Morellini Editore ha scritto il racconto per l’antologia a cura di Gabriella Kuruvilla Sicilia d’autore (2019) e il romanzo Come ammazzare il tempo quando sei morto (2021). Ha fatto parte della Giuria Tecnica all’EtnaBook 2019, 2020 e 2021.

 

Il libro
Titolo: Saravá

Editore: Morellini

Pagg.: 240

Prezzo: € 16,90

9791280022073_0_536_0_75.jpeg
paesietnei
logoscardillipressrotondo-trasparente

Ogni mese Paesi Etnei Oggi,  ospita nella versione cartacea il blog Letto, riletto, recensito!

photo-2019-09-28-11-45-16
schermata2019-05-07alle16.38.33

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

mercoledileintervistecopia
lunedilevideorecensioni
sabatoglievergreencopia
domenicailconsigliodellasettimanacopia
giovedilerecesnioniinlibrirtacopia
martedievenerdilenovita
sem
lorma
saggiatore
unnamed
logonn6
logoblackpngneweditore2018