All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Francesco Gallina - Vivere - Dragonfly

09/12/2020 23:01

Admin

Recensioni, home,

Francesco Gallina - Vivere - Dragonfly

Francesco Gallina - Vivere - Dragonfly - Le recensioni in LIBRIrtà - L'angolo della poesia - A cura di Letizia Cuzzola

schermata2020-12-08alle02-06-04-1607389622.png

Francesco Gallina

 

 

Vivere

 

 

Dragonfly

 

 

L'angolo della poesia

Le recensioni in LIBRIrtà


A cura di Letizia Cuzzola

 

La prima cosa che mi colpisce nello sfogliare questa silloge poetica, “Vivere”, di Francesco Gallina (Dragonfly, 2020) è la forma, l’uso grafico del corsivo che riproduce la scrittura manuale, facendo entrare il lettore in confidenza col testo. Da sempre ho associato la scrittura corsiva a qualcosa di più intimo del commerciale e asettico stampatello.

«Sono un misero interprete/ di madre natura» scrive l’autore in uno dei suoi versi; leggo nell’intera opera Madre natura fra le righe del sentimento, dell’inquietudine: «Nell’incertezza/ si erge la colpa». La colpa, un senso quasi di inadeguatezza pervade le pagine. È un inno alle pieghe ombrose della vita, al vagare degli eventi che, volenti o nolenti, cambiano la nostra rotta: «Tanti sono i pensieri/ che abbiamo smarrito/ tra le svariate forme/ delle loro onde».

Gallina è poeta d’altri tempi, ricorda la poesia classica, i suoi tormenti, le sue pene non solo amorose. Quel che, però, mi ha colpito davvero è come la poesia appaia quasi come un parto da sofferenza in un pessimismo cosmico che dilaga. Sempre più raramente ci si abbandona al lirismo per gioia. In “Vivere” leggo un barlume di speranza solo a tratti, tratti molto leggeri: «Niente e nessuno/ è veramente spacciato/ se il suo cuore/ può ancora viaggiare».

 

Titolo: Vivere

Autore: Francesco Gallina

Editore: Dragonfly

Pagg: 159

Prezzo: 10


schermata2020-12-08alle02-02-46-1607389586.png