All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

João Paulo Cuenca - Ho scoperto di essere morto -Miraggi edizioni - Recensione - Video Recensione

2018-04-26 23:40

Admin

Video recensioni, home,

João Paulo Cuenca - Ho scoperto di essere morto -Miraggi edizioni - Recensione - Video Recensione

news69-1581274873.pngho-scoperto-di-essere-morto-win-213x300-1581274873.jpg

João Paulo Cuenca - Ho scoperto di essere morto -Miraggi edizioni - Recensione - Le Video Recensioni 


news69-1581274873.pngho-scoperto-di-essere-morto-win-213x300-1581274873.jpg

Clicca su Ho scoperto di essere morto, per guardare la video recensione curata da Cateno Tempio.
La bellezza di una recensione, quella di Gianluigi Bodi nel sito dell’editore Miraggi edizioni,  coniugata alla straordinaria video recensione curata dal fondatore di Sitosophianonché nostro collaboratore  Cateno Tempio, per un libro di livelli altissimi. Buon ascolto e buon lettura.Ho alzato gli occhi ed ero già a pagina cinquanta. Mi sembrava di aver appena iniziato, il treno era già in stazione ed ero l’unico idiota ancora seduto al suo posto. Questo per chiarire subito se il libro mi è piaciuto o no.
Recensione di Gianluigi Bodi.Il libro di João Paulo Cuenca dal titolo "Ho scoperto di essere morto" parla di un tale João Paulo Cuenca che all’improvviso riceve una telefonata dalle forze dell’ordine. Gli comunicano che a seguito di una denuncia appena depositata per questioni futili risulta che lui è morto già da qualche anno. João Paulo è uno scrittore. All’epoca di questa morte presunta lui era in Italia a presentare la traduzione italiana del suo libro "Un giorno Mastroianni" edito da Cavallo di Ferro. Il commissario non gli sa spiegare come mai qualcuno abbia usato il suo nome per morire. Le cose non sono affatto chiare e a questo punto, a João Paulo Cuenca non resta che cercare di svelare questo mistero. Anche perché dietro a tutto c’è la testimonianza di una donna e come ha detto il commissario, per quel che riguarda questa storia, citando il proprio scrittore preferito: non c’è nulla che una donna non riesca a peggiorare.La ricerca lo porterà a vagare per Rio de Janeiro in un momento in cui le case vengono abbattute per far posto al nuovo, per mettera la pezza del mondiale di calcio e delle Olimpiadi ad un tessuto malandato.Il libro è un continuo entrare ed uscire dal testo. Entrare ed uscire dalla finzione. Dobbiamo presupporre che l’episodio della presunta morte non sia mai avvenuto? Oppure è successo davvero? I verbali riportati all’interno del libro farebbero pendere per la seconda ipotesi. Cuenca in Italia, per quel libro, c’è stato davvero. Avrà anche dato all’amico Protz un manoscritto da leggere, manoscritto che poi non ha concluso, immagino, anche per le critiche dell’amico che lo trovava troppo gentrificatore, troppo votato alla politica, una lettera di uno che si vuole suicidare. E poi, il finale, perfettamente in linea con l’idea che Cuenca abbia dei manoscritti non conclusi nel cassetto. Prendiamo a piene mani dal regno dell’autofiction e del pamplet, navighiamo tra le righe di un romanzo mai banale, un caleidoscopio che restitisce molto bene l’immagine dell’autore. Una scrittura che fila via liscia e lascia sulle labbra appena un accenno di sorriso. Un sorriso dato dall’ironia che permea ogni pagina, ma soprattutto dai dialoghi fulminei, da commedia degli equivoci.Quella di João Paulo Cuenca è di sicuro una bella scoperta. Un buon modo per iniziare le letture dell’anno. Chissà che non ritorni a fare un salto in Italia e che magari, tra qualche anno, la cosa non finisca in uno dei suoi prossimi lavori. Ne avrebbe di cose da scrivere sul nostro paese.Ottima la traduzione di Eloisa del Giudice e molto bello vedere il suo nome in copertina.