All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Eve EnsIer - I monologhi della vagina - il Saggiatore - Gli Evergreen

2018-07-15 23:59

Admin

Recensioni, home, evergreen, omosessualità lesbismo eterosessualità,

Eve EnsIer - I monologhi della vagina - il Saggiatore - Gli Evergreen

news239-1581274906.png


Eve EnsIer - I monologhi della vagina - il Saggiatore Lo speciale  Evergreen/Le recensioni in LIBRIrtà



Lo speciale Evergreen/Le recensioni in LIBRIrtà, questa settimana spodesta Le video recensioni, per scelta, volontà e ammirazione, per la nostra nuova collaboratrice, Federica Duello, che sta collaborando con la dedizione e professionalità di un membro decennale. 
Buona lettura con questa terza edizione del sempre presente libro di Eve Ensler, pubblicato da il Saggiatore nel lontano 2008, rivisitato nel 2014 e impostosi nuovamente, con nuova traduzione quest’anno.
Di Federica Duello.Hanno sempre insegnatoche un uomo deve essere orgoglioso del proprio gingillo, che devevantarsene e seguire i propri istinti, mentre la donna, per essereritenuta tale, deve mantenersi, conservarsi, rispettare l’uomo enon fare e non farsi tante domande: come mai?  
Con il suo spettacolo "Imonologhi della vagina", Eve Ensler (New York, maggio 1953),una drammaturga statunitense da sempre votata alla difesa delladonna, raccoglie le testimonianze autentiche di donne, ragazze ebambine provenienti da svariati intorni culturali, e lo fa mostrandocon irriverenza la parte più intima di ognuna di loro: la lorovagina. Per la prima volta, la vagina femminile viene analizzata nonsolo come parte anatomica, ma come parte primaria e imprescindibiledell’essenza di ognuna di noi.
Se ne analizza l’aspetto,la funzionalità, le emozioni e le sensazioni di questo strano"oggetto" misterioso: si racconta di prime esperienze saffiche,di scoperte anatomiche (sia del mondo etero che LGBT+) e diconsiderazioni personali legate e appesantite dal pensieropatriarcale diffuso, di donne che vedono la propria vagina comeun’amica e di donne che la vedono solo come uno strumento, o ancoradi donne che non sono abituate a considerarla affatto, perchépensata come appartenente a degli uomini pretenziosi. Per questo,l’autrice non tralascia affatto gli aspetti negativi dellafaccenda, come la prostituzione, l’infibulazione e tutte le formedi sottomissione a cui numerosissime moltitudini di donne sono stateda sempre costrette, e racconta tutto questo rafforzando i concettiattraverso l’uso abbondante della parola «vagina», che costringechi legge a non distogliere lo sguardo dalla parola chiave di unaquestione che abbiamo sempre saputo esistere ma abbiamo comunqueevitato di considerare: il fatto di essere donne, e in quanto taliportatrici di dolori ancestrali taciuti perché considerati partedella normalità quotidiana, qualcuno più pesante, altri piùsopportabili perché abituate.
Lapiena consapevolezza della perenne situazione di disuguaglianza cheha da sempre interessato la figura della donna, soprattutto perquanto riguarda quel mondo di tabù (solo rivolti alle legittimeproprietarie) del sesso, dagli arbori dei tempi fino ad arrivare adoggi, riporta queste realtà di stupri, di violenze e di soprusisenza veli, per far capire una volta e per tutte che dette condizioninon dovrebbero, in prima istanza, essere mai nate, ma possono purtuttavia essere combattute e sconfitte, se cominciamo a considerarela nostra vagina come parte di noi e orgogliose di essa.
Autore: Eve EnslerTitolo: I monologhi della vaginaEditore: il SaggiatorePagg.: 174Prezzo: € 17,00Voto: 9

Create Website | Free and Easy Website Builder