All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Rebecca West - Nel cuore della notte - Fazi editore - L'anteprima - Le recensioni in LIBRIrtà

2019-01-28 07:01

Admin

Recensioni, home, Famiglia Aubrey, Rebecca West, Anteprima,

Rebecca West - Nel cuore della notte - Fazi editore - L'anteprima - Le recensioni in LIBRIrtà

news322-1581274921.png

Rebecca West - Nel cuore della notte - Fazi editore 

L’anteprima 

Le recensioni in LIBRIrtà


Clicca sulla cover per leggere il primo capitoloIn anteprima e in contemporanea all’uscita del libro, oggi lunedì 28 gennaio 2019, recensiamo "Nel cuore della notte" di Rebeca West. Fazi Editore.
A cura di Domenica Blanda, alias Anna Cavestri.
Questo che recensisco, è il secondo volume della trilogia della West sulla famiglia Aubery.
 È la fine dell’800, nei dintorni di Londra, a raccontare quello che vive e quello che succede alla famiglia Audrey, è Rose la gemella di Mary, sorella di Cordelia e Richard Quinn, il piccolo di casa. 
La loro è una famiglia particolare, la madre famosa pianista, donna saggia, un po’ eccentrica, ma con una capacità di apertura che era insolita per quei tempi. Il padre è sparito da casa un giorno, nessuno sa che fine ha fatto, almeno, così pare a Rose. 
I suoi continui disastri economici, l’hanno portato al fallimento ed allontanamento spontaneo da casa , eppure è sempre ricordato con tanto affetto dai ragazzi, dalla madre e da tutte le persone che per varie ragioni, vengono ospitate nella loro casa. 
È una famiglia allargata, dove con un racconto dai toni bassi, convivono anime diverse ma in armonia. Nonostante la mancanza del padre, la mamma invitata spesso a suonare in occasioni importanti, riesce a fare fronte alle necessità della casa, senza mai far pesare le difficoltà che incontra. 
È il momento in cui i ragazzi, soprattutto le femmine, stanno passando verso un’età di scelte per il futuro. Rose e Mary, seguendo l’esempio della madre approfondiranno lo studio del pianoforte, con delle borse di studio che le permetteranno di non essere di peso per la madre, Cordelia violinista fallita, tenterà un’altra strada, ma finirà per sposarsi tralasciando gli sudi. 
Rose, esprime con molta cura gli umori ed i caratteri con cui vive, senza mai andare oltre a quello che è bene dire.Piano piano si entra a far parte di loro, sembra di essere dentro al romanzo. Ci sono ritmi cadenzati e regolari in casa: l’ora del the, le passeggiate nel giardino, i giochi dei ragazzi e le loro risate. 
Richard Quinn, il piccolo e simpatico di casa, è adorato da tutti, è quello che si prende più libertà delle sorelle, esce e fa amicizia facilmente con chiunque, è affettuoso e sembra più adulto di quello che è. Per le ragazze è più difficile socializzare, non sono inserite come lui nel tessuto sociale. 
Con Rosamund, una cugina da loro ospitata, ha un rapporto più particolare che con le sorelle, c’è affinità nonostante lei sia più grande di lui , ma nessuno in famiglia si sente geloso nemmeno ne pensano male, Richard Quin, si prende a cuore le cause di tutti spontaneamente. 
La sua presenza riempie la casa ha sempre qualche novità.E quando anche per lui arriva il momento della scelta verso il futuro, prende la strada verso Oxford, col benestare di tutti tranne quello di Cordelia. Su di lei Rose scrive le cose più negative, la sorella è gelosa ed incattivita per il suo fallimento musicale, è sempre un po’ acida con tutti, ma la sopportano fino a quando mette in discussione le scelte del fratello, credendolo un incapace. Sarà tutta la famiglia a fare quadrato a favore di Richard. 
A questo proposito le riflessioni di Rose, ricordo che tutto il romanzo è visto dagli occhi dei ragazzi , arrivano a dire che " le relazioni complicate non siano un’esclusiva degli adulti e che questa è una delle più grandi ingiustizie della vita "C’è molto affiatamento nella loro piccola comunità ed è sempre presente l’ assente padre di cui, più volte avvertono la loro mancanza. 
Nel frattempo, anche se sembra che nulla sia cambiato in questa famiglia, le gemelle diventano famose pianiste e sono chiamate a fare concerti di alto livello. E nonostante questo rimangono quelle ragazze semplici e modeste incontrate ad inizio del romanzo, disilluse dagli uomini, che hanno sommariamente conosciuto durante i loro tour concertistici. 
Anche se ora hanno più disponibilità economiche, la madre sempre presente e orgogliosa delle ragazze, rimane la donna disponibile ed oculata. È Cordelia l’unica sopra le righe che accentua il suo stato di benessere perché sposata con un uomo benestante, ma la si sopporta. 
E mentre sembra che tutto stia proseguendo per il meglio, tra concerti, gli studi di Richard, i momenti del the e biscotti , dei pranzi preparati da Kate, loro domestica, dove ognuno fa parte con le proprie peculiarità, di un meccanismo quasi perfetto, incombe la prima guerra mondiale. 
Richard Quin, si arruola, Rosamund stava frequentando un corso per infermiera.Rose e la sorella, hanno potuto continuare a fare concerti, in periodo di guerra era più difficile spostarsi , ma erano affermate pianiste e questo era la loro fortuna. 
La preoccupazione più grande era per Richard, pur di incontrarsi o a casa o fuori, quando aveva qualche licenza rinunciavano a suonare, anche Rosamund faceva di tutto per essere presente, lui rimaneva la calamita che attirava tutti a se, ed era sempre capace di portare gioia e tranquillità, nonostante la guerra. 
Rose comincia a rendersi conto che la madre e’ più assente, non parla, mangia poco, ma lei dice di stare bene, di essere solo stanca.Comincia il suo declino, le sorelle non lasciano più sola la madre ed a turno vanno a fare i loro con concerti da sole o insieme se c’è qualcuno con la madre.
Gli effetti della guerra saranno devastanti per la famiglia Aubrey, nell’ incalzare della narrazione finale del romanzo, Rose , pur nella disperazione degli eventi riesce a raccontare con lucidità, quello che ancora della famiglia non era chiaro.
È un romanzo che coinvolge molto, interessante che venga descritto dagli occhi principalmente di Rose, ma anche dagli occhi dei ragazzi di famiglia, con la maturità di un adulto. 

Non resta che aspettare il terzo volume della trilogia perché la famiglia Aubrey, è ora familiare anche a me.
Titolo: Nel cuore della notteAutore: Rebecca WestEditore: FaziPagg.: 406Prezzo: € 20,00Voto: 9