All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Giorgia Spurio - Gli occhi degli orologi - Il Camaleonte edizioni

2019-11-21 00:01

Admin

Recensioni, home,

Giorgia Spurio - Gli occhi degli orologi - Il Camaleonte edizioni

news600-1581274965.png

Giorgia Spurio 

Gli occhi degli orologi 

Il Camaleonte edizioni

Le recensioni in LIBRIrtà
A cura di Elena C. Pilato

Vincitore del Premio Inedito 2017, "Gli occhi degli orologi" di Giorgia Spurio, si identifica con una sorta di apocalisse. Ambientato nel futuro; i paesaggi sono fittizi con prati e fiori di plastica, scorie radioattive, l’aria più rarefatta, giovani drogati agli angoli delle strade, gli agenti degli Orologi, diventati il dio del Tempo, con cui i governi controllano uomini e donne, incapaci di ribellarsi. 

Un romanzo distopico, dove il mondo appare come una landa desolata, dove i pochi esseri umani che conservano un istinto di sopravvivenza, vengono arrestati per sparire chissà dove. 

La protagonista Julienne vive le sue giornate immersa in una solitudine interiore, la stessa che coinvolge ormai il mondo, desiderando una maternità che non arriva. Si rivolge alla clinica Le Monde, una sorta di motel per appuntamenti, per esaudire il suo desiderio di diventare madre. Qui conosce Fred, uno sconosciuto con cui passerà una notte d’amore.


Julienne varca il confine tra gioventù e maturità, nel limbo tra un passato doloroso con un padre alienato a causa della Grande Guerra, e il presente e il futuro presentati come un qualcosa di totalmente diverso e per questo motivo più aridi, dove il desiderio di maternità è il desiderio anche di una normalità, di un mondo che non è più, pur trattandosi di un gesto egoista. Mettere al mondo un figlio al giorno d’oggi più che un atto d’amore e la cosa più naturale di ogni essere umano, è un atto che ignora cosa sia l’altruismo. In un mondo ormai privato di ogni sua bellezza, morente e inquinato, quello che lasciamo alle generazioni future è l’apocalisse già in atto, ma che tutti tendiamo a voler ignorare. 
Solo i sentimenti resistono, l’amore, il desiderio, perfino l’odio sono reali e si contrappongono a tutto ciò che ormai c’è di fittizio e artificiale nella vita di tutti i giorni. Nel romanzo uomini e donne, come automi e soldatini continuano le loro esistenze, barricandosi la sera dentro case vuote e silenziose, prive della gioia dei tempi passati. La Grande Guerra e tutte le guerre a cui si va incontro; la diversità di chi segue le regole e chi invece si ribella e viene punito, sono argomenti quanto mai attuali, in una società preda di odio, con vittime sempre più numerose. E la paura del diverso, nel nome di un dio o per una diversa etnia, coinvolge il lettore moderno che non può più ignorare una certa presa di coscienza sugli eventi attuali. Giorgia Spurio si lancia nel romanzo con un linguaggio privo di fronzoli, di brevi parole per non allungare i periodi stilistici. 
Il suo stile è caratterizzato da pensieri buttati di getto, quasi un diario scritto con una freddezza e realismo disincantato nel descrivere un mondo ormai morto, e man mano allontanando la patina di apatia che ormai avviluppa la protagonista, per rompere quel bozzolo dentro cui Julienne si è rifugiata. Lo stesso bozzolo dove ognuno di noi si è rintanato per non vedere gli orrori del mondo. Gli occhi degli orologi spinge a riflettere, ma privo di qualunque moralismo, con toccanti momenti di poesia verso il passato, un’infanzia e un’epoca che non torneranno mai più, in netto contrasto con l’aridità moderna. È la morte di tutti, unita al desiderio di Vita. 
La stessa che ancora una volta, nonostante tutte le difficoltà del caso, preme per non morire, per emergere là, dove di vita ne resta ben poca. Julienne non si arrende e dovrà imparare a fare i conti con i propri fantasmi, quelli di un mondo nel quale non si riconosce più, e una maternità inaspettata che la pone di fronte all’interrogativo più grande, di una presa di coscienza che non è più riferita al proprio Io interiore, ma a qualcosa di molto più grande. Un figlio in un mondo e un’epoca poco ospitali. 
Autrice: Giorgia SpurioTitolo: Gli occhi degli orologiEdizioni: Il CamaleontePagg.: 250Prezzo: € 15,00Voto: 8