All rights reserved
logo
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Serena Patrignanelli - La fine dell’estate - NNEditore

02/05/2019, 01:01

Serena-Patrignanelli----La-fine-dell’estate---NNEditore

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

Il consigLIBRO della primavera 2019 è di:


Valentina Di Cesare, L'anno che Bartolo decise di morire, Arkadia Editore.

02/05/2019, 01:01



Serena-Patrignanelli----La-fine-dell’estate---NNEditore


 



Serena Patrignanelli  - La fine dell’estate - NNE

Le recensioni in LIBRIrtà

A cura di Domenica Blanda (alis Anna Cavestri)

L’estate comincia a giugno, quando nelle strade si cominciano a sentire le voci e le risate dei bambini, la scuola è finita in anticipo quest’anno, non c’era più inchiostro, niente bidelli, nemmeno la carta igienica. In un paese indefinito (tutti i paesi possono essere così) la gioia di cominciare a trovarsi nella strada con gli altri per giocare ed inventare sempre nuovi giochi è universale.Gli adulti sono in sordina, è il mondo raccontato dai ragazzini e dei ragazzini, protagonista del romanzo. 

Augusto e Pietro, grandi amici, si sono conosciuti andando con gli altri nelle fogne per gioco. Poi i tombini sono stati all’improvviso sigillati e gli interessi sono cambiati. C’erano gli alberi, la campagna, stare fuori fino a tardi,la spensieratezza.Ogni tanto si sentiva dire che qualche uomo era dovuto partire, qualcuno erano andati a prenderlo, senza che questo fosse una preoccupazione per i ragazzi del paese. Nessuno li cercava, si arrangiavano tra di loro, con solidarietà. 

C’erano ileader, quelli che spiccavano, per varie ragioni.Augusto e Pietro, uno con genitori molto anziani l’altro praticamente " senza famiglia", avevano un sogno ed un segreto, mettere in uso una macchina trovata abbandonata.Virginia, figlia di Mario proprietario dell’ osteria, che riesce a liberarsi dalla tirannia del padre, quando lo portano via ed è considerata la "strana". 

Michele è il capobanda, i più piccoli obbediscono come soldatini. Con Virginia si attraggono e si respingono.La bella Semirade, il padre è partito, manda cartoline dalla Francia, la madre è una persona eccentrica e non particolarmente simpatica alla figlia. Lei è la ragazzina saggia, sembra più grande, è ammirata da tutti e soprattutto da Augusto.Ognuno con la propria storia, ogni famiglia col suo 
"segreto ". 

A poco a poco il paese si spopola degli adulti, rimane qualche donna, nelle baracche le prostitute con cui inevitabilmente Augusto e Pietro avranno a che fare, per il loro sogno. Sembrano comunque spensierati i ragazzi, anche quando non hanno più cibo e scoprono daVirginia che esiste il mercato nero, dove andranno a barattare tutto quello che trovano nelle case abbandonate, per beni alimentari.Quello che succede intorno sembra non esistere, nessunadulto interviene mentre i ragazzi si radunano tutti insieme anche la notte fuori casa, è estate e si può dormire anche all’aperto o nella casa abbandonata. 

Nel romanzo tutto sembra sospeso da una realtà che diventa sempre più incombente e piena di segnali di un futuro difficile.Le dinamiche tra i protagonisti sono il principale interesse della scrittrice. C’è il loro evolversi, la presa della consapevolezza, i loro sentimenti,il disincanto e la realtà che non lascia spazio che alla fine dell’estate . Settembre è arrivato, il cielo si fa scuro, in lontananza il boato delle bombe. I ragazzi rientrano nei tombini per proteggersi. 

Molto bello questo romanzo, scritto con delicatezza ma pieno di particolari. È evocativo, la fine della scuola e la lunga estate è nella memoria di tutti e sebbene in tempo di pace, l’atmosfera e la gioia dei giochi spensierati all’aria aperta è un comune denominatore di tutti.Molto bene sono descritte le caratteristiche di ogni personaggio, facilmente riconoscibili in molti ragazzini che abbiamo conosciuto nella vita ( almeno nella mia), perché ognuno ha sì la sua storia ed è unico, ma a quell’età tanto c’è di comune. 

Gli adulti, in secondo piano, o assenti, ma anche così lasciano traccia rendendo i ragazzi quello che sono. Una bella lettura, un libro scritto bene su ombre e luci di un mondo di ragazzini.

Titolo: La fine dell’estate
Autore: Serena Patrignanelli
Editore: NNE
Pagg.: 352
Prezzo: € 18,00
Voto: 8


1
Schermata2019-03-19alle15.55.12

Letto, riletto, recensito è media partner dellì Etna Book Festival

Schermata2019-05-07alle16.38.33

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

SabatoGlievergreencopia
MercolediLeintervistecopia
lunedilevideorecensioni
GiovediLerecesnioniinLIBRIrtacopia
DomenicaIlconsigliodellasettimanacopia
MartedievenerdiLenovita
sem
lorma
saggiatore
unnamed
LogoNN6
logoblackpngnewEDITORE2018
Create a website