sem2
All rights reserved
immagine-articolo-1024x744
faziomassimomonade@yahoo.it
logo4
logo4

Letto, riletto, recensito!


facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Silvia Licetti - Pozzo di vetro - Elison Publishing – Le recensioni in LIBRIrtà

04/05/2018, 02:21

Silvia-Licetti---Pozzo-di-vetro----Elison-Publishing-–-Le-recensioni-in-LIBRIrtà

Claude LÉVI-STRAUSS – Lettere ai genitori– Il Saggiatore – Le recensioni in LIBRIrtà

04/05/2018, 02:13

Claude-LÉVI-STRAUSS-–-Lettere-ai-genitori–-Il-Saggiatore-–-Le-recensioni-in-LIBRIrtà-

ESCLUSIVA! SPECIALE FABIO ARTURO CICALA: ANIMA! - Disamine in filosofia

04/05/2018, 01:34

ESCLUSIVA!-SPECIALE-FABIO-ARTURO-CICALA:-ANIMA!---Disamine-in-filosofia

logo

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

04/05/2018, 02:21



Silvia-Licetti---Pozzo-di-vetro----Elison-Publishing-–-Le-recensioni-in-LIBRIrtà


 




Silvia Licetti - Pozzo di vetro -Elison Publishing - Le recensioni in LIBRIrtà

Domenica Blanda per Letto, riletto, recensito!

Per la prima assoluta di Silvia Licetti, possiamo affermare che la prova dell’agente letteraria è riuscita, anche se per la prova d’autore, certamente dobbiamo  attendere. Una storia semplice che sviluppa diversi punti di riflessione. Domenica Blanda  per la rubrica "Le recensioni in LIBRIrtà" del blog LRR!

Sarah giovane americana, lascia gli studi per aiutare la famiglia in seguito alla morte improvvisa del padre, a capo di una grande azienda. Prende il posto del padre, ma non è vista di buon occhio dal socio con cui il padre era in società. La madre e i fratelli non la sostengono quanto e come vorrebbe e lei non ci sta più a sottostare alla rigidità anche affettiva che regna in famiglia. La madre nel frattempo si era sposata col socio del padre. Lei si sposa col padre di un amico del fratello, avvocato, che le è anche d’aiuto per i problemi dell’azienda. Grazie a lui, viene a conoscenza di male affari , per i quali il socio si dimette dalla società, con tutto quello che ne consegue in famiglia. Dopo un ulteriore duro colpo personale si allontana da tutto e tutti rifugiandosi all’estero in Italia) presso un amico dei tempi dell’Università, E’ qui tra le colline toscane, che prende coscienza di poter dare una svolta alla sua vita, secondo le sue attitudini e volontà in assoluta libertà. Rientrata in patria, dopo l’ennesimo aggravarsi della crisi familiare, la madre con la quale ha cercato fino all’ultimo di allacciare un rapporto mai esistito, viene a mancare, ed ancora di più si rende conto che non è lì che dovrebbe vivere. Una coincidenza fortuita la conduce a una nuova vita. "Pozzo di Vetro", un romanzo che affronta il tema della rinascita individuale, rinascita da lutti e soprusi per scoprire quella verità su se stessi che è lì, nel profondo, sulla quale bisogna avere il coraggio di affacciarsi per cambiare. La trama è molto interessante in quanto si tratta di un romanzo familiare , pieno di segreti, alleanze, malcontenti, incomprensioni e tanti "non detti" , che piano piano vengono detti. La lettura è scorrevole i dialoghi sono ben strutturati , è una lettura piacevole, ricca di punti di riflessione.


Autore: Silvia Licetti
Titolo: Pozzo di vetro
Editore: Elison Publishing
Prezzo: € 14,00
Pagg.:   193
Voto: 7

04/05/2018, 02:13



Claude-LÉVI-STRAUSS-–-Lettere-ai-genitori–-Il-Saggiatore-–-Le-recensioni-in-LIBRIrtà-


 



Claude LÉVI-STRAUSS - Lettere ai genitori- Il Saggiatore - 

Le recensioni in LIBRIrtà 


Domenica Blanda, per Letto, riletto, recensito!

Con il volume pubblicato da Il Saggiatore, che raccoglie le lettere che il grande antropologo (1908-2009) ebreo, scrisse ai suoi genitori fra il 1931 e il 1942, fra quotidianità,  guerra, fuga dalla persecuzione razziale e formazione intellettuale, la nostra blogger collaboratrice Anna Cavestri, al secolo Domenica Blanda, supera se stessa, con una recensione a dir poco paradisiaca, per un libro intimo ma non semplice  da approcciarSi. La madre di Claude Lévi-Strauss, Emma Levy, custodì con cura tutte le lettere che lei e suo marito Raymond ricevettero dal figlio fra il 1931 e il 1942. Eccole raccolte in Lettere ai genitori, a cura della seconda moglie Monique Lévi-Strauss. Il volume è composto da 217 lettere inviate ai genitori fra il 1931 e il 1942, da Strasburgo, Parigi, Mont-de-Marsan, Marsiglia, Spagna, Martinica, Porto Rico e New York. Lévi-Strauss scriveva ai genitori quasi tutti i giorni, o almeno un giorno su due. Lo faceva per raccontare nei minimi dettagli lo svolgersi della sua quotidianità, dai pasti e ricette alla gestione domestica spicciola (con la sua padrona di casa che, per esempio, dettava come «unica condizione: non portarvi delle "signorine"»), dall’andamento della sua leva prima e del lavoro a scuola poi fino alla militanza socialista, dalle brevi riflessioni sulle questioni di attualità al racconto delle sue scampagnate, e così via. Curioso e paradossale quello che un venticinquenne Claude scrive ai genitori mentre viaggia per Strasburgo, dove dovrà fare il servizio militare: «Il viaggio è andato benissimo, con un po’ di malinconia all’inizio, ma passa in fretta quando si guarda scorrere il paesaggio». Mancano da queste lettere notizie sul periodo che fra il 1935 e il 1939 che Lévi-Strauss trascorse in Brasile, sia all’università di San Paolo , sia in Amazzonia, dove svolse il lavoro etnografico alla base delle sue teorie e opere. Ma, del resto, di quelle esperienze Lévi-Strauss parlerà diffusamente nei suoi libri, queste lettere ci offrano uno sguardo su altri aspetti della sua vita, indissociabile dal merito della sua produzione scientifica. Fra gli altri aspetti, emerge il Lévi-Strauss lettore di narrativa, amante, come molti altri scienziati sociali, dei gialli, fra cui quelli di Simenon («piacevole ma mediocre»), Agatha Christie e altri. Ma non solo gialli; nel novembre del 1932, Lévi-Strauss scrive infatti: «Denoël e Steele mi hanno inviato il loro ultimo libro, che fa tanto parlare di sé: Viaggio al termine della notte di Céline. È un enorme romanzo di seicento pagine fitte fitte». Due giorni dopo: «Stiamo leggendo Viaggio al termine della notte. È un capolavoro e ne siamo entusiasti». Ancora due giorni dopo: «Ho finito Viaggio al termine della notte. È lungo ma straordinario. Ve lo manderò».( ancora non sapeva dei rigurgiti antisemiti di Céline ) Già, l’antisemitismo. Nel 1940 a Lévi-Strauss viene revocato il suo posto da insegnante, perché ebreo (le leggi razziali francesi erano state promulgate nell’ottobre di quell’anno). Grazie al sostegno di un altro grande antropologo francese, Lévi-Strauss viene inserito nel programma di salvataggio degli studiosi europei promosso dalla fondazione Rockfeller, che gli procura un invito alla New School for Social Research di New York. Gli avvenimenti che hanno portato Lévi-Strauss a dover scappare dall’Europa, nel 1941, traspaiono gradualmente dalle sue lettere: «Ricevuta una lunga e interessante lettera da parte di Déat: sostiene che Hitler ha fatto il pieno in Germania. Ricevuti anche Kant e le buste per i biglietti da visita, di cui vi ringrazio». Le lettere inviate dopo il trasferimento negli Stati Uniti si fanno più di dense di notizie "gustose" agli occhi dei lettori dell’antropologo, e nella seconda parte del volume a emergere è anche il percorso parallelo della carriera di Lévi-Strauss e il suo pensiero rispetto a quanto stava accadendo in quell’Europa da cui era dovuto fuggire, per scampare alla persecuzione politica e razziale. Lévi-Strauss era molto vicino, sia umanamente che per la sua formazione, a studiosi e studiose di primissimo piano per la storia delle scienze europee e che gravitavano attorno al Musée de l’Homme di Parigi, uno dei luoghi in cui nacque l’antropologia moderna. Ma, con l’arrivo della guerra e dei totalitarismi, il gruppo di studiosi del museo divenne anche un gruppo di resistenza ai nazisti: gruppo di resistenza conosciuto come Rete del Musée de l’Homme. Di loro scrive Lévi-Strauss ai genitori: «Ho ricevuto da Parigi alcune notizie alquanto tristi: diversi membri del Museo sono tragicamente scomparsi». E, a proposito di Marcel Mauss), scrive: «Non so se avete ricevuto la lettera nella quale vi chiedevo di scrivere una cartolina a Marcel Mauss per dargli mie notizie, e di chiedergli se non desidera forse che io mi muova in suo favore. Tutti si interessano alla sua sorte». La vita negli Stati Uniti procede moderatamente bene, e Lévi-Strauss si concede anche qualche svago, per esempio un insospettato ruolo in un coro a quattro voci: «Era da molto che non cantavo più, ma la forma non è andata del tutto perduta e come tenore mi difendo ancora». Dal punto di vista professionale, le difficoltà d’inserimento nei circoli accademici statunitensi non mancano, ma neanche le soddisfazioni: «Mercoledì prossimo sono a Yale per tenere una conferenza, sfortunatamente non pagata, ma alla quale assisterà Malinowski. Si tratta dunque per me di un avvenimento importante. Ho fatto la conoscenza di Malinowski al congresso di sociologia che si è appena tenuto a New York. È anziano, gentile, parla egregiamente il francese e non si trova bene negli Stati Uniti». E i suoi lavori vengono progressivamente riconosciuti da figure di spicco dell’antropologia statunitense: «Ho ricevuto una lunga lettera di [Robert] Lowie, il quale ha eseguito di persona la correzione dell’articolo! Ne sono commosso e confuso». Eppure, il suo pensiero andava spesso a quello che stava succedendo in Europa: «Fa un’impressione sorprendente il fatto di ritrovare il lusso e l’abbondanza, ma sento una stretta al cuore quando penso alla Francia e a voi», «L’abbondanza che regna qui mi stringe il cuore se penso alla Francia come l’ho lasciata e come dev’essere adesso». Oppure: «Alle volte mi chiedo se l’incubo che stiamo vivendo tutti e che voi subite sia reale». Queste lettere danno un contributo importante alla comprensione del fatto che no, non era un incubo, e che sì, era tutto reale: è tutto reale.

Autore: Claude Lévi-Strauss
Titolo: Lettere ai genitori 1931-1942
Editore: Il Saggiatore
Prezzo: € 37,00
Pagg.:   422
Voto: 9

04/05/2018, 01:34



ESCLUSIVA!-SPECIALE-FABIO-ARTURO-CICALA:-ANIMA!---Disamine-in-filosofia


 



ESCLUSIVA! SPECIALE FABIO ARTURO CICALA: ANIMA!

Clicca su ANIMA, per ascoltare e vedere la video recensione.


Ho sempre creduto che ognuno di noi dal momento in cui diventiamo vita ci viene affidato un dono speciale l’ Anima essa è il centro di noi è tutto ciò in cui si annidano emozioni pensieri candidi e innocenti azioni buone e comportamenti corretti e senza alcun fine ma spontanei e pieni d’ amore collabora con il cuore a farci essere nel giusto e a provare sentimenti senza costrizioni e paure si lo so non si vede ma si percepisce si avverte e si sente che l ’ anima è in noi e noi apparteniamo ad essa patch è l ’ anima è ciò che resterà dopo l’ avvenuto inevitabile trapasso da questo mondo all’ altro.Io sempre creduto nell’ anima e ho vissuto sempre con l anima è in sua funzione essa è la parte unica distinta dal corpo perché un giorno quando avverrà il trapasso tutto il nostro corpo si sfalderà sarà polvere compreso il cuore il cervello è tutto il resto del nostro corpo ma l anima no sarà intatta e sarà ciò che potremo portare con noi ci saranno rinchiuse tutte le nostre azioni di una vita i nostri pensieri ecco noi saremo solo anima per l eternità non importa di quale religione si è o non si è e se si è credenti o no all’ anima si ci deve credere patch è essa profonda e in essa è custodita la vita la nostra vita il corpo ciò che si vede è solo un involucro sembra banale definire il corpo così ma è ciò che veramente è che con gli anni invecchia si ammala cambia spesso si può curare ma poi sempre destinato a diventare polvere mentre come scritto prima l’anima rimane eterna e siamo noi la nostra anima.Ora il mondo da spesso importanza al corpo a ciò che si vede a ciò che si percepisce si può toccare ecco e quasi nessuno si preoccupa per l ’anima Fulcro importantantissimo di noi si giusto curare il corpo non lasciarsi andare ai mali fisici ma è ancora più giusto curare l ’anima ma vivere per nutrire la nostra anima per tenerla più limpida e più ricca di noi e del nostro essere viviamo d anima di momenti di istanti e impariamo a leggere non solo la nostra ma anche l ’ anima degli altri e non guardiamo solo l ’aspetto esteriore delle persone un fisico pur bello quanto sia può ingannare può ammaliare e farci del male.L’ anima da Amore dona Amore e sentimento dona bellezza interiore senza alcuna diversità di razza sesso ecc. ecc. La definizione per esempio di Animale per definire tutte le meravigliose creature del creato proviene da anima (animale = l’anima) appunto patch è loro spesso usano l anima è non la ragione infatti sono portatatori sani di Amore vero e sincero quindi la definizione animale non è in senso Dispregiativo o non è stata coniata a caso ma è un complimento bellissimo x definire questi esserini e dono del creato che çi è stato fatto dobbiamo essere più spirituali dobbiamo imparare a comunicare ed ascoltare la nostra anima dobbiamo essere meno superficiali e più anima li anche noi e goderci questo creato meraviglioso che ci è stato donato perché che ci si crede o no la vita non finisce dopo la dipartita ci aspetta l’ Infinito.  

Fabio Arturo Cicala




16768707187
logoblackpngnewEDITORE2018
unnamed
saggiatore
sem
lulu
LiberAria
LogoNN6
Schermata2018-11-07alle18.17.01
PEO
Logo-Rizzoli-Libri

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

lunedilevideorecensioni
SabatoGlievergreencopia
MercolediLeintervistecopia
MartedievenerdiLenovita
GiovediLerecesnioniinLIBRIrtacopia
DomenicaIlconsigliodellasettimanacopia
Schermata2018-11-07alle18.17.01
sem
saggiatore
lorma
unnamed
logo
LogoNN6
goware-apps

Il consigLIBRO della primavera 2019 è :


Valentina Di Cesare, L'anno che Bartolo decise di morire, Arkadia Editore.

Schermata2019-03-19alle15.55.12
Create a website