sem2
All rights reserved
immagine-articolo-1024x744
faziomassimomonade@yahoo.it
logo4
logo4

Letto, riletto, recensito!


facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Cinzia Lacalamita Igor Damilano (a cura di) - Partiamo da qui. Undici personaggi in cerca d’editore - Imprimatur - Le recensioni in LIBRIrtà - Le video recensioni

07/03/2018, 16:39

Cinzia-Lacalamita-Igor-Damilano-(a-cura-di)---Partiamo-da-qui.-Undici-personaggi-in-cerca-d’editore---Imprimatur---Le-recensioni-in-LIBRIrtà---Le-video-recensioni

Mariano Sabatini in esclusiva concede l’intervista su Primo venne Caino - Le interviste - Le recensioni in LIBRIrtà

25/01/2018, 16:38

Mariano-Sabatini-in-esclusiva-concede-l’intervista-su-Primo-venne-Caino---Le-interviste---Le-recensioni-in-LIBRIrtà

Il calcio è bello, ma u Catania è sempre u Catania - Le interviste

29/11/2017, 18:22

Il-calcio-è-bello,-ma-u-Catania-è-sempre-u-Catania---Le-interviste

logo

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

07/03/2018, 16:39



Cinzia-Lacalamita-Igor-Damilano-(a-cura-di)---Partiamo-da-qui.-Undici-personaggi-in-cerca-d’editore---Imprimatur---Le-recensioni-in-LIBRIrtà---Le-video-recensioni


 



Cinzia Lacalamita Igor Damilano (a cura di) - Partiamo da qui. Undici personaggi in cerca d’editore - Imprimatur - Le recensioni in LIBRIrtà - Le video recensioni


Clicca qui, per la video recensione curata da Fabio Arturo Cicala.

Assistere un corso di scrittura creativa emozionale è una gran bella esperienza. Seguirlo con oculatezza e interesse e anche con piacere e divertimento è ciò che spingono a fare Cinzia Lacalamita e Igor Damilano. I due scrittori, in contratto con Imprimatur, in una delle esperienze che hanno sviluppato, sono riusciti a dar un volto a undici scrittori novelli, che hanno dimostrato alte qualità e straordinarie capacità comunicative di narrazione. Noi lasciamo il 2017 con questa video recensione, curata da Fabio Arturo Cicala, che dietro indicazione del suo direttore, si è espresso al massimo delle sue straordinarie capacità espressive, intervallate da silenzi meditativi che fanno ben capire quanto importante sia la passione e l’impegno in ogni cosa. Auguri a tutti e non arrendetevi mai. BUONE FESTE!
25/01/2018, 16:38



Mariano-Sabatini-in-esclusiva-concede-l’intervista-su-Primo-venne-Caino---Le-interviste---Le-recensioni-in-LIBRIrtà


 



Le interviste - Le recensioni in LIBRIrtàMariano Sabatini - Primo venne Caino - Salani  


Intervista. 
Romano, classe 71, geniale e genio. A 20 anni circa ’vola su un tappeto’, frattanto è in radio, in tv, nelle testate giornalistiche di mezzo paese. Col suo romanzo d’esordio, L’inganno dell’ippocastano, vinse il premio Flaiano. Oggi 25.01.2018 esce il suo secondo romanzo, Primo venne CainoSalani editore. Per Letto, riletto, recensito!, il direttore Salvatore Massimo Fazio, intervista Mariano Sabatini.

1. Ciao Mariano, grazie per averci accolto, iniziamo. Giovanissimo, sei tra i più quotati autori di programmi e talk show come Tappeto volante, con il grande Luciano Rispoli, frattanto scrivi e pure bene, di inchiesta e di indagine, tra tutti l’esordio a quattro mani con Oriana Maerini, per le Edizioni scientifiche italiane, dove un’intervista al maestro Monicelli diventa un libro per intenditori, ricercatori ma anche per il grande pubblico. Seguiranno altri importanti libri e anche raccolte (ricordiamo Vi racconto Montalbano, dove appari con un capitolo) prima di approdare al romanzo tout-court, L’inganno dell’ippocastano, pubblicato per Salani editore. Puoi dirci cosa ti ha spinto alla necessità di lanciarti verso il noir-poliziottesco?
Ciao Massimo, preciso, non poliziottesco... che ricorda i film con Merli o Milian. L’inganno dell’ippocastano è stato definito un noir o anche un giallo classico. Non saprei dirti, io ho scritto una storia, partendo come sempre dai personaggi. Viola Ornaghi, una donna fragile ma non debole, che si trova ad una svolta della sua vita e deve prendere delle decisioni. Con lei si palesa il collega e amico, ma solo amico?, Leo Malinverno... un giornalista sfrontato, impavido, abituato alle inchieste scomode. Insieme devono scoprire chi ha ucciso Ascanio Restelli, candidato sindaco di Roma, un vero talento del male, capace di ogni genere di nefandezze. Sai, io sono sempre stato un lettore accanito, onnivoro, ma la narrativa di genere mi ha sempre appassionato. Preferisco i romanzi in grado di irretire il lettore, di flirtare con lui, di sedurlo... forse per questo ho scelto questo genere. Non escludo in futuro di cambiare ancora.

2. Hai scritto per diverse testate, da quotidiani come Il Tempo a settimanali di gossip come Novella 2000, a riviste specialistiche e di settore come Il mucchio selvaggio, a settimanali di ricerca palinsesti come il Radiocorriere. Chiederei a Leo Malinverno, il tuo investigatore creato dal nulla che ha preso molti lettori: ma chi è questo camaleontico Mariano Sabatini? Che dono, e quando dorme, ha che si trova ovunque? 
Il mio padre letterario è un collega del tutto diverso da me, un giornalista più salottiero, ma come me poco incline ai compromessi. In questo, forse, lui vive più pericolosamente di me. Deve schivare maggiori insidie, o almeno diverse. Quelle che io non saprei né individuare né schivare. Io passo la vita a rifiutare gli inviti in tv, lui li accetta tutti o quasi. Non è ovunque, ma deve darsi da fare, non avendo santi in paradiso. Però dorme, gli piace, gli è necessario, e dormendo sogna nuove storie. Di lui apprezzo la assoluta mancanza di snobismo, trova il bello in ogni situazione professionale e sa passare dalla carta stampata al web, dalla tv alla radio, dai libri di carattere giornalistico alla narrativa. Non è da tutti, credo.

3. Già, anche la radio vede la tua presenza da fine anni ’90 ad oggi, in maniera massiccia e convinta, con risultati e programmi di rilievo: come hai fatto a coniugare i diversi canali di media dove lavorare con un lucidità che rasenta la cristallizzazione e lucidità del pensiero?
In maniera massiccia no, ma direi inesorabile. Non ho fatto differenza tra emittenza locale e nazionale. Sono andato dove ho potuto esprimermi liberamente e dove la mia professionalità era apprezzata, nel senso anche etimologico di "pagata". Il comune denominatore è stata la parola, scritta o parlata non fa differenza, fin da quando mi sono invaghito intellettualmente del mio maestro, Luciano Rispoli. Negli anni Ottanta seguivo il suo programma sulla lingua italiana, Parola mia su Rai1, e nel 2002 ho collaborato alla riedizione su Rai3 scrivendone i testi. Una bella soddisfazione. Quando Rispoli ha smesso di fare programmi, ho smesso anche io. Ho iniziato a scrivere di tv su Metro, ora ne parlo ogni settimana su InBlu Radio, nella mia trasmissione Atuxtv.

4. Una domanda, forse fuori luogo: perché per il nuovo romanzo è stata scelta la data del mio 44′ genetliaco? Io che sono tuo fan e che oltre a curare un blog, qualche mio paziente in studio per disagi psicogeni, e a scrivere di filosofia, che quando vendo 500 libri già l’editore è felice, mi sento quasi omaggiato da sua maestà il caso: Mariano Sabatini esce col nuovo romanzo proprio il giorno che invecchio: credi al caso? O tutto è scritto?
Complimenti per la botta di egotismo! Battute a parte, devi ringraziare Salani. La data di uscita di un romanzo è decisa dall’editore, io avrei voluto che uscisse molto prima. Forse loro volevano omaggiarti, oppure sapevano che ti saresti commosso e avresti voluto intervistarmi... caso? Destino? Credo alle coincidenze, devo rassegnarmi ad esse, anche se per natura vorrei controllare tutto. Decidere a tavolino e vivere sereno. 

5. Puoi farci per i nostri lettori, una sinossi estemporanea e immediata del tuo nuovo Primo venne Caino?
Stavolta Malinverno deve inseguire un temibile serial killer, che uccide persone tatuate e ne asporta lembi di pelle. Prima dovrà comprendere cosa porta le persone a istoriarsi la pelle, cosa significa, lo farà con l’aiuto di un antropologo, studioso della materia. Al solito la storia è un pretesto per indagare la società, la psicologia, il lato oscuro dei personaggi. Compreso quello del protagonista, innamorato di una ventenne eppure desideroso di liberarsene. 

6. Mariano, perché la filosofia, tranne se sei Fusaro che ha lavorato per Bompiani giovanissimo e studiato  al San Raffaele, oltre ad essere molto preparato, non ti permette la visibilità del romanzo?
Le persone vogliono essere intrattenute, vogliono evasione, cercano storie in grado di portarle via dalla banalità del quotidiano... Da quando scrivo romanzi mi sento amatissimo, mi viene riversata addosso una gratitudine incredibile. È una sensazione inebriante, irrinunciabile. Se il romanzo è buono, poi, la gratitudine diventa quasi venerazione, e se vende tantissimo trasforma l’autore in una star. È il caso di Camilleri, De Giovanni, Carofiglio... non è il mio caso, purtroppo. Non ancora, almeno. 

7. Tra i tuoi thriller e l’evasione che può dar la lettura di un romanzo, qual è il punto di limite al fine che non ci si annoi col genere triller-noir-polizziotesco?
Il limite è la ricerca di novità. Il genere è superaffollato di commissari, marescialli, detective, investigatori privati... io ho cercato di spostare il focus sul versante giornalistico. I miei sono thriller giornalistici. Forse per questo ho avuto l’attenzione dei lettori e addirittura due premi, il Flaiano e il Romiti.8. Marzullianamente: fatti una domanda e attendi che risponda io.Sabatini, ma chi ti credi di essere?Il geniale personaggio che sei, e mi piace insistere col polizziottesco. 

Grazie Mariano.


Dopo averci concesso in anteprima l’intervista nel giorno dell’uscita del suo secondo thriller, il 25 gennaio 2018, dal titolo "Primo venne Caino", pubblicato per Salani editore, recensiamo lo stesso, per mano della poetessa Domenica Blanda (alias Anna Cavestri). Una poetessa? Si, perché è anche una delle più quotate blogger italiane.  Mariano Sabatini, meritevole di lode, apre ad un thriller davvero nuovo, una stilistica nuova. Come Cioran ebbe a fondare il lirismo nella scrittura filosofica, Sabatini fonda la ricerca verbalizzata nel thriller’ (S.M.Fazio). Che sia un caposcuola? BUONA LETTURA... e correte in libreria, ne vale la pena!

La recensione.
Ambientato nella città eterna tanto amata nel bene e nel male, questo è uno dei più bei thriller che ho letto ultimamente.C’è un caso che sta tenendo sulle spine la città,  l’indagine è nelle mani del maggiore dei Carabinieri Sgro’. Il caso del " tautatore " , che dopo dopo aver individuato le sue vittime , sempre con lo stesso rituale, asporta il pezzo di pelle nel quale hanno un tatuaggio.Leo Malinverno, giornalista è chiamato da un amico della polizia, per dare un aiutato in questo caso. E sarà proprio il giornalista a fare un’ indagine parallela a quella dell’arma, a scrivere pezzi sul suo blog  (sospeso dal giornale per cui lavorava, che non voleva si occupasse del caso) e a parlare per primo di serial killer. Gode di stima ed i suoi pezzi attirano il mondo dei media, che attorno a questa notizia vorrebbero fare scoop. Non è questo che interessa a Malinverno . Dividendosi tra la giovanissima e bella fidanzata, affrontando il caldo torrido di Roma ad agosto, Leo si immerge nella situazione alla ricerca del tautore. Conduce l’indagine con tutti i crismi, interroga, sente "suoi informatori ", fa ricerche e nessun aiuto gli viene da chi ha in mano legittimamente le indagini, salvo la possibilità di vedere la scena dei crimini, che nel frattempo aumentano. Nel frattempo nella sua vita avvengono situazioni impreviste di cui cerca di occuparsi al meglio, tra una corsa e l’altra, che le sue indagini hanno bisogno. L’indagine assume carattere sempre più complesso, con una ricchezza linguistica che chi ama leggere, non può che apprezzare, lo scrittore tiene incollati al libro. E tra momenti di relax che cerca di concedersi, tra la lettura di libri , la preoccupazione per un’amica con un destino segnato, ma non immaginato, un padre che compare all’improvviso nella sua vita, riesce a trovare il bandolo di una matassa tanto intrigata che lo porta all ’assassino . Un thriller davvero ben strutturato, con scrittura chiara, arguta ma senza fronzoli, e banalità. Ben trattata anche la psicologia di Malinverno, ma anche degli altri protagonisti.

Autore: Mariano Sabatini
Titolo: Primo venne Caino
Editore: Adriano Salani
Prezzo: € 16,90
 Pagg.:   279
 Voto: 10 e lode
29/11/2017, 18:22



Il-calcio-è-bello,-ma-u-Catania-è-sempre-u-Catania---Le-interviste


 



Antologia di racconti sul Calcio Catania - Alessandro Russo - Geo Edizioni  

Le interviste - Le video recensioni



Intervistiamo Alessandro Russo, avanposto culturalista e catanista, da sempre in prima fila a difendere le gesta dei colori rossazzurri. L’autore, non è nuovo in materia di pubblicazioni dedicate al Calcio Catania nato nel lontano 1946. Stavolta ha deciso di fare e creare una sorta di concorso: chi vive fuori Catania, come vive Catania, attraverso aneddoti ed episodi, ampliate a storie, sul Catania Calcio... e ce ne sono alcune che fanno vibrare dentro, come quella di un tifoso del Catania e un tifoso della Fiorentina, che si incontrano..... Signori, in libreria prego, per Natale, ogni catanese deve avere questo gioiello dal titolo Antologia di racconti sul Catania Calcio, Geo Edizioni, con la prefazione del nostro direttore Salvatore Massimo Fazio.Vi segnaliamo subito i primi due incontri di presentazione:Il primo appuntamento con gli appassionati è fissato per venerdi 29 dicembre 2017 alle 16,30 al Palazzo della cultura di Catania in via Vittorio Emanuele 121. Insieme al sindaco Bianco e all’assessore Licandro ci sarà Laura Azzia, coautrice dell’Antologia e con lei l’attore comico Gino Astorina e Santino Mirabella che ha firmato la postfazione.La seconda presentazione editoriale dell’Antologia dei racconti sul Calcio Catania si svolgerà, invece, lunedì 8 gennaio 2018 alle 17,30 al Castello Leucatia di Catania, in via Leucatia 68. Ne discuteranno Tullio Di Cesare, Giuseppe Rapisarda e Domenico Sapienza con la partecipazione straordinaria di Enrico Guarneri e Giuseppe Mascara.

1. Alessandro, cosa c’è dentro questa tua nuova fatica editoriale?
L’Antologia di racconti sul Calcio Catania (AA.VV. Geo Edizioni, Biblioteca del calcio, pp224, 2017) è un piccolo atlante di geografia rossazzurra, un manuale di filosofia marca liotru, un libro colorato "per metà come la lava dell’Etna e per l’altra metà dal nostro mare". Si parte con un omaggio a Lino Banfi e al suo «Juventus-Catania, porca puttana! Per dar retta a quel disgraziato di Parola ci vado a mettere questa anomala fissa: 2. Come fa la Juventus a perdere in casa col Catania? Vince già uno a zero, vince.» Il riferimento proviene dal film cult "Al bar dello sport" del 1983 e preavvisa il lettore su ciò che troverà all’interno dell’Antologia. Si va avanti con una miriade di sorprese che riguardano esclusivamente la squadra di calcio del Catania: trentadue imperdibili racconti provenienti da ogni parte del pianeta terra. La prefazione è di Salvatore Massimo Fazio, la postfazione di Santino Mirabella, la copertina l’ha realizzata Cetty Emanuele.

2. Quale è il filo conduttore del libro?
Il fil rouge di quest’Antologia è la liscìa catanese, senza dimenticare però la storia della nostra città con un doveroso ossequio a mister Géza Kertész. Fu questi l’allenatore ungherese che ci portò per la prima volta in B nel 1934 prima di salvare decine di vite umane dalla follia delle "Croci Frecciate" nel ’45 e divenire quindi lo Schindler rossazzurro. In questo libro si parla financo di Gaetano Ventimiglia, colui il quale piantò il seme del pallone sotto l’Etna fondando la Pro Patria Catania. Era un eccelso direttore della fotografia cinematografica e fu al fianco di Alfred Hitchcock in diverse pellicole da Oscar. C’è spazio poi per le gesta calcistiche di Pier Paolo Pasolini al "Cibali" e soprattutto per i racconti scritti da chi è stato costretto ad abbandonare la sua terra per mettersi in gioco al Nord ma con ’u Catania sempre nel cuore. Rapporto di fedeltà verso i colori rossazzurri, malinconia e senso di appartenenza alla città etnea: una mescolanza incantata di peripezie, rievocazioni e impressioni.

3. Hai intercettato persino il grande Franco Zuccalà e poi il fratello di Guido Biondi e infine il figlio di Guido Mazzetti, veri e propri pezzi da Novanta della storia del calcio Catania.
Proprio così e in ciascuno di loro ho ritrovato tanta grinta, forte propensione al dialogo e grandi capacità descrittive. Non si tratta di autocelebrazione familiare ma di tracce di DNA catanese fortissimamente presente in ciascuno di loro. Non è necessario venire al mondo ai piedi dell’Etna per diventare catanese, basti pensare al già citato eroe Géza Kertész, a Memo Prenna, a Giorgio Michelotti e a tanti altri campioni del presente e del passato.

4.  Sfogliando il libro, non mancano le pagine firmate dalle donne.
Si tratta di quattro gemme che impreziosiscono in chiave romantica l’Antologia di racconti sul calcio Catania. Laura, brillante avvocatessa catanese di stanza a Firenze, ha descritto magistralmente un amore tra un sensibile tifoso del Catania e un ultrà della Viola. Maria ha ambientato ad Acitrezza il flirt tra Valentina e il suo Stefano il giorno della promozione in A il 25 giugno dell’anno 1983. Lella ha voluto lasciare ai posteri un ricordo privato di suo padre, Michele Giuffrida, uno tra i migliori dirigenti nella storia del club rossazzurro. Era Michele Giuffrida uno che sapeva il fatto suo, agiva in modo discreto e fu l’artefice del boom di risultati strepitosi del Catania nella prima metà degli anni ’60. La signora Anna, infine, è la figlia del grande giornalista catanese Enzo Longo, l’unico cronista cittadino che lasciò traccia delle gesta umane del già citato allenatore Kertész. A lei va il merito di aver raccontato in quest’antologia in forma quasi diaristica una valanga di aneddoti genuini partendo dalla fine degli anni ’40. 

5. C’è dell’altro, Alessandro? 
Direi proprio di sì. Dall’infelice frase di Zdeněk Zeman in una conferenza stampa del 2013 al momento in cui i tifosi rossazzurri decisero di fare il tifo per Zico al "Cibali"; da Pippo Pernacchia al misterioso calciatore rossazzurro che fece la fuitina con un’avvenente signorina catanese. Dalla storia di "cavallo pazzo rossazzurro" a quella di Marcoccio, Ricchiuti e Uzzecchini, alle vicende di Puccio e di suo zio Severino. A questi ultimi due, una volta, ne capitarono di tutti i colori la mattina in cui decisero, seppur tra mille peripezie, di seguire il derby di coppa Italia col Palermo nel 1980.Rimane da dire che l’Antologia di racconti sul Calcio Catania è il "fratello" più piccolo di "Tutto il Catania minuto per minuto" (AA.VV. Geo Edizoni, Biblioteca del Calcio. 2010) e porta la firma dell’agenzia creativa Scritturiamo e del sito www.calciocatania.com. Per dirla tutta, senza l’ausilio del grafico Bruno Marchese, di Vincenzo La Corte, Salvo Emanuele, Salvo Giglio, Enrico Salvaggio, Filippo Solarino, Roberto Quartarone e Antonio Buemi questo lavoro non avrebbe mai visto la luce.
Grazie Alessandro.
A te Massimo.

Il primo appuntamento con gli appassionati è fissato per venerdi 29 dicembre 2017 alle 16,30 al Palazzo della cultura di Catania in via Vittorio Emanuele 121. Insieme al sindaco Bianco e all’assessore Licandro ci sarà Laura Azzia, coautrice dell’Antologia e con lei l’attore comico Gino Astorina e Santino Mirabella che ha firmato la postfazione.La seconda presentazione editoriale dell’Antologia dei racconti sul Calcio Catania si svolgerà, invece, lunedì 8 gennaio 2018 alle 17,30 al Castello Leucatia di Catania, in via Leucatia 68. Ne discuteranno Tullio Di Cesare, Giuseppe Rapisarda e Domenico Sapienza con la partecipazione straordinaria di Enrico Guarneri e Giuseppe Mascara.


19091
logoblackpngnewEDITORE2018
unnamed
saggiatore
sem
lulu
LiberAria
LogoNN6
Schermata2018-11-07alle18.17.01
PEO
Logo-Rizzoli-Libri

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

lunedilevideorecensioni
SabatoGlievergreencopia
MercolediLeintervistecopia
MartedievenerdiLenovita
GiovediLerecesnioniinLIBRIrtacopia
DomenicaIlconsigliodellasettimanacopia
Schermata2018-11-07alle18.17.01
sem
saggiatore
lorma
unnamed
logo
LogoNN6
goware-apps

Il consigLIBRO della primavera 2019 è :


Valentina Di Cesare, L'anno che Bartolo decise di morire, Arkadia Editore.

Schermata2019-03-19alle15.55.12
Create a website