All rights reserved
logo
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

17/07/2019, 08:40



È-morto-Andrea-Camilleri-


 



Morto Andrea Camilleri



Redazione

Degli ultimi venti anni è lo scrittore più amato, colto, ironico, divertente ed educato. Andrea Camilleri, ad un mese esatto dal ricovero presso l’ospedale Santo Spirito di Roma per gravi crisi cardiopatiche, stamattina alle 8:20 è morto. La Asl Roma 1, ha così spiegato il decesso:«le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali». 

Il boom lo ebbe con la sua creatura più importante, "Il commissario Montalbano", e con la casa editrice siciliana "Sellerio", che diventò monito delle due lingue miscelate, italiano e siciliano; e di un turismo culturale, sviluppatosi grazia alla serie televisiva estratta dai tanti libri che raccontano le vicende del commissario più amato d’Italia, in angoli di Sicilia non conosciuti da molti (es. Punta Secca). Il successo lo investì dopo i 70 anni, tanto che per pubblicare il primo libro, ricorse a un editore a pagamento. Aveva 93 anni. 
14/07/2019, 10:50



Stralunata:-lunedì-15-luglio-si-inaugura-la-nuova-rassegna-musico-letteraria-catanese


 



Stralunata

rassegna letteraria e musicale


Dal 15 luglio al 1° settembre presso "Piazza dei Libri", (Piazza Federico di Svevia 92 - Catania), per la direzione artistica di Francesco Cusa.



Si apre domani, lunedì 15 luglio, il nuovo esperimento artistico diretto dal musicista e scrittore Francesco Cusa e organizzato dall’Associazione Gammazita, Piazza Dei Libri e dalla novella casa editrice Lunaria.  


Sette "sedute" dove musica e letteratura si scontrano a colpi di cultura presso "Piazza dei Libri", in Piazza Federico di Svevia 92, a Catania. L’apertura della rassegna, che annovera importanti nomi del panorama artistico musico letterario contemporaneo, sancirà anche il battesimo della nuova casa editrice "Lunaria", costola del gruppo Gammazita, risorsa socio culturale conosciuta oltre i confini nazionale per il recupero di un quartiere ad alto rischio sociale specie per i bambini, che si presenta con una nuova edizione del successo d’esordio dell’eclettico agitatore culturale Andrea Pennisi e dell’illustratrice Virginia Caldarella dal titolo "Trattato di Anatomia Emozionale", pubblicato lo scorso anno per Peruzzo Editoriale. 


Francesco Cusa rilascia una dichiarazione alla nostra domanda su quanto ha realizzato e chiarisce quel Vs che in apparenza potrebbe essere interpretato come indipendenza  delle arti: «Sono stato contattato da "Gammazita". L’idea era quella di mettere a disposizione le mie conoscenze e le amicizie di letterati e musicisti al fine di creare una rassegna che avesse determinate caratteristiche. Così è nata "Stralunata" - in onore alla nascente casa editrice - una kermesse eterogenea, un contenitore ribollente di poetiche nel cuore di uno spazio vitale della città. La formula del "VS" è meramente didascalica: potranno nascere armonie e stridori, non importa. L’improvvisazione è il collante che caratterizzerà tutte le serate. Ci saranno, insomma, pochi dibattiti e molta "azione scenica". Le presentazioni di libri sono oramai diventate noiose "introduzioni all’artista"; quest’ultimo riesce a stento a dire qualche cosa della sua opera, e di solito soltanto verso la fine, rivolgendosi ad un pubblico oramai stremato. Con "Stralunata", viceversa, si punta subito al sodo: occorrerà di volta in volta (re)inventare lo spazio della performance. Si entrerà, dunque, immediatamente nel "corpo dell’opera", e il compito di ogni scrittore - stimolato o molestato dalle musiche - sarà quello di affascinare e invogliare il pubblico ad acquistare i libri, tutti presenti nello spazio librario di "Gammazita" (assieme ai cd dei musicisti)».
  
Il calendario della rassegna diretta da Francesco Cusa (in foto):

Tutti gli incontri si terranno a "Piazza dei Libri"

15 LUGLIO ’19 ore 21.00 
Matteo Meschiari, antropologo scrittore
VS
Gianni Gebbia, sax alto per jazz on the road
in
"L’ORA DEL MONDO". Una rappresentazione avventurosa, visionaria e fantastica dei paesaggi appenninici.
Hacca Edizioni


24 LUGLIO ’19 ore 21.00 
Stefano Zenni, musicologo scrittore
VS
Paolo Sorge, chitarra
Francesco Cusa, batteria per jazz on the road
in
"CHE RAZZA DI MUSICA" Jazz, blues, soul e le trappole del colore.
EDT Edizioni


25 LUGLIO ’19 ore 21.00
Sal Costa, giramondo scrittore
VS
Riccardo Gerbino
tablā e percussioni per musica indiana on the road
in
"IL MERCANTE DI DIO"
I diciassette anni perduti della vita di Gesù Cristo.
Bonifarro editore


1 AGOSTO ’19 ore 21.00
Federico Fini, sceneggiatore scrittore
e
Francesco Cusa, scrittore batterista
VS
Luciano Troja tastiere per jazz on the road
in
"CHIEDI A COLTRANE" + "RACCONTI MOLESTI" +  "STIMMATE"
Uomo VS Uomo contemporaneo, romanzi, racconti e poesie.
Emersioni edizioni + Eris Edizioni + Algra editore


8 AGOSTO ’19 ore 21.00 
Andrea Pennisi ’Lapsus’, scrittore
Virgina Caldarella, illustratrice
VS
Musicista a sorpresa
in
"TRATTATO DI ANATOMIA EMOZIONALE"
Disegno, parole, musica d’improvvisazione, teatro, video arte e arti performative.
Lunaria Edizioni


31 AGOSTO ’19 ore 21.00 
Wu Ming 1, scrittore e traduttore
VS
Fabrizio Puglisi, tastiere
e
Francesco Cusa, batteria per jazz on the road
in
"LA MACCHINA DEL VENTO"
Isola di Ventotene, colonia di confino degli antifascisti, 1939.
Einaudi editore


1 SETTEMBRE ’19 ore 21.00 
Nazim Comunale, poeta e critico musicale
VS
Lello Giannetto contrabbasso
e
Alessandro Nobile, contrabbasso per jazz on the road
in
"LEI OCEANO"
Canti di amore e di non amore in versi e in fotografia.
Terra di Ulivi edizioni



La locandina, con link annesso, della rassegna
12/07/2019, 12:46



Gentilezza,-antidoto-contro-l’ansia---L’angolo-socio-psico-pedagogico-di-Giusi-Lo-Bianco


 



Gentilezza, antidoto contro l’ansia 

L’angolo socio-psico-pedagogico di Giusi Lo Bianco


Grande nemica di ogni "io", danneggia e boicotta i momenti più importanti, disturba e intralcia ogni forma di relazione, l’ ansia è fondamentalmente un’emozione naturale che ha la finalità di far conoscere all’uomo ciò che lo circonda affinché possa adattarsi al mondo circostante.E’ parente stretta della paura da un punto di vista fisiologico: ansia e paura si manifestano attraverso gli stessi sintomi fisici (ad es. tachicardia, sudorazione, ecc.), ed entrambe rappresentano la reazione dell’individuo di fronte ad una minaccia. Ma c’è una differenza sostanziale tra ansia e paura: la paura è una reazione emotiva ad un pericolo reale; l’ansia è una reazione emotiva ad un pericolo percepito, non così ovvio agli occhi degli altri.

Una scossa di terremoto, per esempio, determina nella maggior parte delle persone una reazione di paura, mentre solo chi soffre d’ansia si sente a disagio al supermercato.Chi soffre di disturbi d’ansia spesso percepisce il mondo in modo "diverso" da come è realmente; in particolare fa fatica a distinguere tra stimoli sicuri e stimoli pericolosi. Da un punto di vista fisiologico, la causa di questo comportamento sarebbe una "ristrutturazione" dei neuroni responsabili della capacità d’individuazione delle potenziali minacce. I disturbi d’ansia, a lungo andare, sarebbero in grado di alterare la percezione del mondo a livello sensoriale: chi ne soffre fa fatica a distinguere gli stimoli associati ad un "evento neutro" da quelli che rappresenterebbero una vera minaccia.

L’ansia miete vittime ogni giorno e ogni giorno si cerca un modo più efficace per tenerla a bada.Un modo semplice per farlo sembra esserci e l’hanno svelato due psicologi della University of British Columbia.I soggetti più ansiosi, scrive il Washington Post, sembrano essere più introspettivi e una conseguenza dell’ansia è quella di chiudersi in se stessi. A partire da questo assunto Jennifer Trew e Lynn Alden hanno tentato di scoprire se gli atti di gentilezza verso il prossimo potessero contribuire ad alleviare l’ansia sociale.Per rispondere a questa domanda sono stati analizzati 115 studenti universitari ansiosi, suddivisi in tre gruppi. Lo studio è durato 4 settimane, durante le quali è stato chiesto al primo gruppo di compiere tre atti di gentilezza, due volte a settimana, al secondo di esporsi in situazioni sociali (ad esempio parlare con uno sconosciuto, invitare un collega a pranzo) e al terzo semplicemente di tenere un diario nel quale annotare gli eventi della giornata.

Gli studenti del primo e secondo gruppo sono stati inoltre preparati con esercizi di respirazione, per far sì che riuscissero a gestire l’ansia nel momento in cui si mettevano alla prova.I risultati hanno dimostrato che il primo gruppo, impegnato in gesti gentili, aveva riportato dei benefici. Gli atti di gentilezza, infatti, contribuiscono a rafforzare le relazioni sociali, l’impegno sociale e ampliare le reti sociali. Il tutto favorisce l’aumento dell’ottimismo, che a sua volta, com’era già stato dimostrato in altri studi, riduce l’ansia.Non sembra difficile...un grazie, un per favore, aiutare qualcuno può avere effetti terapeutici inaspettati.Naturalmente per gentilezza non si intende solo una forma superficiale di cortesia, ma un atteggiamento profondo che comprende diverse componenti, come il calore, la generosità, l’umiltà, la gratitudine.

Grazie alla gentilezza si guadagnano simpatie, si crea intorno un clima positivo e sereno. La vera ’convenienza’ della gentilezza, tuttavia, sta proprio nell’essere gentili. La gentilezza, infatti, dà un senso e un valore alla nostra esistenza, ci fa dimenticare i guai quotidiani e sentire bene con noi stessi.Ecco perché la pratica della gentilezza è così essenziale: perché ci permette di andare al di là delle nostre paure.


1245105
Create a website